Ricerca News

Da:
A:
Tags:


 

 

 

 

Archivio News

« Indietro

i living lab a SMAU 2013

 

 

Stamattina, a Fieramilanocity,  si è aperta SMAU 2013, l'esposizione dedicata al mondo dell'innovazione e delle tecnologie digitali che vede presente la Regione Puglia, insieme ai suoi partner strategici per il settore, il Distretto dell'Informatica e InnovaPuglia, acceleratore d'innovazione per il territorio. Alla manifestazione verrà presentata l'esperienza dei Living Labs e, in particolare domani 24 ottobre alle ore 11.00 nell'Arena App&Cloud del padiglione 2 verrà illustrato in un workshop il lavoro svolto per il cluster salute.

L'assessore Loredana Capone ha partecipato oggi alla manifestazione inaugurale.

SMAU è dunque arrivata alla 50^ edizione, inaugurata stamattina dal convegno "Startup, innovazione e imprese: le Regioni protagoniste".

La giornata è stata aperta dalla commemorazione di Marco Zamperini, uno dei padri fondatori del Web italiano, morto per un infarto domenica 13 ottobre, a Milano, a soli 50 anni. "Internet è fatto di persone" suoleva dire il "funky professor", come ha ricordato la filgia Rebecca, al termine della proiezione di un video, realizzato dal montaggio dei suoi interventi più brillanti (vedi il video realizzato dal Corriere della Sera).

Subito dopo, l'intervento di Pierantonio Macola, Amministratore Delegato di Smau, ha sottolineato il ruolo centrale dell'imprenditore per il rilancio dell'Italia: "Per il nostro Paese la sfida, l'impresa più grande e affascinante di questi tempi è sicuramente quella dell'innovazione digitale - ha detto - perciò è necessario mettere a stretto contatto le PMI con le startup che sono per loro la porta verso il sistema della ricerca industriale, ma è importante anche valorizzare le uniche risorse sostanzialmente disponibili per il cambiamento delle imprese, quelle dell'UE, per le quali le Regioni sono uno snodo fondamentale".

Il discorso è stato ripreso da Alvise Biffi, presidente Piccola Impresa Assolombarda e vicepresidente Assolombarda che ha sottolineato come attraverso le nuove tecnologie le PMI possono confrontarsi anche con colossi da decine di migliaia di addetti, raggiungendo un mercato mondiale di 7 miliardi di consumatori e sviluppando nicchie di eccellenza che facciano leva sull'innovatività dell'industria italiana.

Andrea Rangone, Coordinatore Osservatori ICT&Management, School of Management del Politecnico di Milano ha invece dato alcuni numeri che ci parlano di un'Italia in cui si investono in ricerca & sviluppo molto meno risorse, rispetto alla media europea (1,26% contro il 2,01%) e, pur avendo a disposizione il numero maggiore di fondi dopo Polonia e Spagna, se ne utilizza solo il 40,27%, collocandoci appena sopra  alla Bulgaria e Romania. In realtà, la situazione italiana è a macchia di leopardo in cui convivono regioni che hanno già raggiunto il 70% dello sfruttamento delle risorse, con altre ferme al 20%. Anche la mappa delle startup ricalca questo divario.

Di un treno da non perdere ha parlato Massimo Pezzini, VP & Gartner Fellow, che ha illustrato i risultati di una ricerca che parla di un mercato di 5 miliardi di device con connessione a internet, 5,5 miliardi di cellulari, 1,5 di smartphone, altrettanti PC, 2 miliardi di accessi, un miliardo di utenti facebook - "Se fosse una nazione, sarebbe la terza più popolosa al mondo" ha detto - 100 miliardi di ricerche su Google. Questo significa un mare di opportunità per le aziende, che non devono aver paura di sbagliare, ma mettersi in gioco, per competere.

Quest'intervento ha dato il via al confronto tra i protagonisti delle Regioni italiane più innovative che si sono interrogate su quale sia la strategia più efficace per  sfruttare al meglio gli 87 miliardi di euro messi a disposizione dall'Ue con i fondi strutturali 2014-2020, quali siano le politiche concrete a supporto di imprese e startup, quali le esperienze e best practices consolidate negli ultimi anni e, infine, quali le opportunità per un'impresa o una startup di entrare in una relazione positiva con l'amministrazione regionale.

Al dibattito hanno partecipato Mario Caligiuri, Assessore alla Ricerca di Regione Calabria, Mario Melazzini, assessore Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia, Gian Carlo Muzzarelli, assessore Attività produttive di Regione Emilia Romagna, Guido Trombetti, vice Presidente e Assessore Università e Ricerca scientifica della Regione Campania, in videoconferenza Agostino Ghiglia, assessore Ricerca e Innovazione di Regione Piemonte, e per la Regione Puglia Loredana Capone, Assessore allo Sviluppo economico. Roberto Cota, presidente della Regione Piemonte ha rivolto per iscritto un messaggio di saluti ai relatori e al pubblico.

"Secondo i dati dell' Ufficio italiano brevetti e marchi - ha esordito la Capone - da gennaio ad agosto 2013, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il numero di brevetti in Puglia è aumentato del 21% sul fronte delle invenzioni e del 10% su quello dei marchi. Ne hanno beneficiato anche le esportazioni: nel secondo trimestre del 2013, secondo una ricerca di Intesa San Paolo, i distretti della Puglia sono risultati i migliori d'Italia con un incremento del 21,6%. Un risultato reso possibile anche grazie al boom della meccatronica, uno dei comparti più innovativi dell'economia pugliese, ma anche merito della tenacia delle imprese e della Regione, che ha promosso i Distretti produttivi e tecnologici e ha investito in ricerca e innovazione, impegnando 478 milioni di euro di fondi strutturali nell'ultima programmazione, contro i 76 milioni del ciclo 2000-2006. La Puglia ora si candida a diventare una regione smart, tra le prime in Italia - ha concluso l'assessore - anticipando con i suoi ultimi bandi innovativi, come quello sui living lab, i temi della prossima programmazione dei fondi strutturali: innovazione, sostenibilità e inclusione per un'economia intelligente, sostenibile e solidale".

Al termine della Tavola Rotonda, Alessandro Sala di Éupolis Lombardia ha presentato Questio, il sistema che raccoglie tutta l'offerta di ricerca e innovazione della Regione Lombardia, messa a disposizione delle imprese italiane e delle altre Regioni.

Vai al portale  SMAU 2013.

Valenzano, 23 ottobre 2013