Living Labs Cafè Community

Sei su Living Labsict Apulia innovation in progress un progetto della Regione Puglia per sperimentare insieme un nuovo approccio alle attività di ricerca. Ricercatori, imprese e gruppi organizzati di cittadini, scambiano idee e conoscenze, progettano insieme e sperimentano soluzioni tecnologiche innovative.

Il Living Labs Cafè è un luogo virtuale di confronto e di scambio dove comunicare i progetti di innovazione, proporre idee, discutere dei fabbisogni emersi, valorizzare i risultati dei progetti di ricerca finanziati dalla Regione Puglia,  condividere le esperienze di ciascun living lab. Partecipa anche tu, entra a far parte della comunità dei living labs all'insegna di una collaborazione virtuosa e partecipativa.

"Che cosa e come fare?"

Scarica la guida in formato PDF

Partecipa

Per presentare un fabbisogno o una proposta di progetto vai su Sistema Puglia

Per partecipare ai forum entra a far parte della comunità dei living labs e, se sei già registrato, vai direttamente alla pagina di Open Community e scegli la discussione a cui vuoi partecipare. 

Bacheca

Bando del Comune di Bari per istallare tetti verdi

Consulta il bando del Comune di Bari per istallare tetti verdi

News

« Indietro

19 PROGETTI FINANZIATI CON "CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI"


30milioni di euro disponibili, oggi, per i 19 progetti che si sono qualificati nel bando "Cluster Tecnologici Regionali" che coinvolgono 138 partner tra imprese e organismi di ricerca.

 

"Un ringraziamento sincero va agli esperti del Nucleo e a InnovaPuglia che, con uno sforzo particolarmente intenso, hanno reso possibile mantenere l'impegno e pubblicare la graduatoria prima della fine dell'anno". Con queste parole l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone, ha chiuso l'annuncio alla stampa sugli esiti del  bando "Cluster Tecnologici Regionali".

"Abbiamo voluto lanciare una sfida al mondo delle imprese e della ricerca - è stato l'esordio della Capone - per sperimentare innovazioni e cimentarsi con gli ingredienti più complessi della SmartPuglia 2020: le Tecnologie Abilitanti e le Cinque Sfide Sociali.La straordinaria partecipazione riscontrata ci dice che questa sfida la Puglia l'ha colta".

Sono 699, infatti, tra imprese e organismi di ricerca, i partecipanti, per un totale di 118 progetti candidati. "Si tratta di un'azione ponte - ha proseguito l'assessore - che si aggancia al nuovo ciclo di programmazione e chiede al mondo delle imprese e della ricerca di aggregarsi per generare massa critica, restituendoci elementi di valutazione preziosi per il disegno delle future iniziative".

La sfida è stata spingere le imprese a presentare progetti che valorizzassero l'integrazione e la sostenibilità di filiera, sostenessero le politiche giovanili, ambientali, sociali e quelle per le pari opportunità e, infatti, nelle 19 aggregazioni sono coinvolte 5 start-up, 15 spin-off e 5 imprese femminili. Per questo un criterio di premialità prevedeva il coinvolgimento di start-up, nell'intento di offrire loro opportunità di crescita e di consolidamento delle loro esperienze, e un altro criterio prevedeva il coinvolgimento di giovani ricercatori. Sono 100 quelli che saranno assunti in questa prima tornata dai 19 progetti finanziati.

I DATI NEL DETTAGLIO

I 19 progetti sono finanziati per un contributo complessivo di € 29.893.541,15, di cui € 22.959.821,99 per attività di Ricerca Industriale e € 6.933.719,16 per attività di Sviluppo Sperimentale, a fronte di un investimento per €45.000.856,03 (€ 30.861.600,86 per RI ed € 14.139.255,17 per SS).

I 19 Raggruppamenti coinvolgono 138 soggetti-partner, di cui 89 imprese (78 PMI e 11 grandi imprese) e 49 partecipazioni di 12 Organismi di Ricerca. Tra le 89 imprese, 14 hanno sede legale non in Puglia (RM 2, MT 2, TN 2, BO 2, BG 2, NA 1, MI 1, PD 1, LT 1) ma con sede operativa pugliese (BA 7, LE 3, BR 2, FG 2); le altre 75 imprese hanno sede legale in Puglia (BA 41, BT 3, BR 4, FG 7, LE 19, TA 2).

Infine, sono 5 le start-up e 15 gli spin-off, 5 le imprese femminili, tra le imprese finanziabili; 25 le imprese con certificazione ambientale, 4 con certificazione etica. I progetti finanziabili prevedono l'assunzione di 100 giovani ricercatori dopo l'avvio del progetto.

Scarica la graduatoria - Determinazione del Dirigente Servizio Ricerca Industriale e Innovazione n.638 del 23 dicembre 2014

Valenzano, 8 gennaio 2016        

 


Agenda eventi

Workshop Progetto Health Net




Foto Video Slide