FAQ

Indietro
1  Le imprese beneficiarie come devono inviare le comunicazioni via PEC?
Ai sensi dell’Art. 9 del Bando, le imprese beneficiarie costituenti un raggruppamento possono inviare comunicazioni ufficiali via PEC solo ed esclusivamente tramite l’impresa capofila. Eventuali comunicazioni inviate da altre imprese diverse dalla capofila non sono prese in considerazione. Le PEC, per essere trattate adeguatamente, devono obbligatoriamente: a) essere inviate all’indirizzo livinglabs.innovapuglia@pec.rupar.puglia.it b) riportare nell’oggetto le seguenti informazioni: "codice progetto" - "nome progetto"- "impresa referente" (intendendo per <impresa referente> la capofila del raggruppamento o l’impresa singola beneficiaria). c) avere contenuto monotematico (ad esempio “richiesta variazione progetto” e “dichiarazione di apporto mezzi propri” devono essere inviate con due PEC diverse)
2013-11-25
2  Come chiedere l'anticipazione del 50%?
Con D.G.R. n. 751 del 11 aprile 2013 (BURP n. 65 del 14 maggio 2013) è stato adottato un nuovo "Schema di contratto fideiussorio per l'anticipazione di agevolazioni da parte della Regione Puglia". Esso, tra l'altro, stabilisce che "le imprese interessate sono tenute ad acquisire preventivo parere favorevole di gradimento del soggetto garante da parte della Regione Puglia" e che la Regione è tenuta ad emettere tale parere entro 15 giorni. Ciò premesso, per ottenere l’anticipazione, l’impresa capofila del raggruppamento o la singola beneficiaria deve seguire la seguente procedura: a) invio via PEC a livinglabs.innovapuglia@pec.rupar.puglia.it del contratto da sottoscrivere con il soggetto garante conforme allo schema adottato della Regione Puglia (da cui si evincano tutti i dati relativi al soggetto garante) per preventiva approvazione da parte della Regione Puglia. b) acquisito esplicito parere favorevole (o dopo 15 giorni in assenza di comunicazioni in merito da parte della Regione Puglia) invio via PEC allo stesso indirizzo della modulistica prevista e della copia delle polizze fidejussorie sottoscritte. N.B. Le firme dei contraenti devono essere autenticate e legalizzate (devono riportare l'attestazione dei poteri di firma oltre che l'autentica della firma). c) Invio per posta ordinaria delle fidejussioni in originale all'indirizzo InnovaPuglia SpA - Direzione CAT - Progetto Apulian ICT LivingLabs - Via Casamassima -70010 Valenzano (Bari). Se tutta la documentazione pervenuta risulta conforme ai regolamenti cogenti, è cura della Regione Puglia avviare le pratiche per la richiesta della certificazione antimafia e del DURC da parte degli organismi pubblici interessati. Una volta ricevute tali certificazioni, per cui si stima un tempo medio di 45 gg, si potrà provvedere alla liquidazione delle somme richieste.
2013-12-04