LivingLabs

Indietro

Smart PA: Trasparenza e voto elettronico

 
Riferimenti
 
Telefono
 
E-mail
 
Descrizione progetto

Il progetto che sarà realizzato da CLIO S.p.A. è finalizzato a soddisfare due fabbisogni espressi nell'ambito del Bando Apulian ICT Living Labs:

  • TRASPARENZA AMMINISTRATIVA, ovvero realizzazione di meccanismi di comunicazione innovativa e ad alto livello di interattività tra Amministrazioni e cittadini, finalizzati alla trsparenza e alla promozione della partecipazione attiva.
  • IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI DI VOTO ELETTRONICO, al tìne di dare piena attuazione ai principi di partecipazione democratica di cui al Codice dell'Amministrazione Digitale.

La trasparenza e l'accessibilità dei dati pubblici e delle informazioni detenute dalle pubbliche Amministrazioni  hanno un ruolo strategico negli orientamenti nazionali e comunitari che riconoscono un vero e proprio "diritto" di cittadinanza attiva, fondato sui principi di partecipazione diretta dei cittadini alla vita e all'azione amministrativa.

Allo stesso modo, si avverte l'esigenza di intervenire sul processo di votazione, sia per le elezioni di ogni ordine e grado che per i referendum, "re-ingegnerizzandolo" in maniera tale da consentire al cittadino di votare con l'ausilio di speciali sistemi elettorali elettronici .

Il Progetto prevede il coinvolgimento del Laboratorio di E-government dell'Università del Salento e degli utenti finali, individuati nelle Amministrazioni Comunali di Patù, Uggiano la Chiesa, Ginosa e Cutrofiano, Secondo l'approccio e la logica di coprogettazione "dal basso" che governa tale tipologia di intervento pubblico.

In particolare gli utenti svolgono un ruolo proattivo nella fase di progettazione e definizione dei requisiti delle soluzioni prototipali e in quella di sperimentazione dove sarà fondamentale verificare l'efficacia delle soluzioni identificate e renderle fruibili da altre comunità interessate.

Obiettivi

Il progetto si  inserisce  in  un  contesto  socio-politico  caratterizzato  da  una forte  disaffezione  del cittadino dalle  istituzioni e, in particolare, dai processi  decisionali governati  dalla politica. Tale sentimento è motivato dal convincimento che le scelte, anche e soprattutto di tipo amministrativo, non siano fortemente ancorate  al valore  del bene comune, bensì a commistioni di interessi  privati e pubblici.

L'eDemocracy, intesa  come  l'insieme  dei processi  e delle metodologie  che utilizzano ICT per  favorire la  partecipazione  dei  cittadini singoli  o  associati  alla  vita  delle  istituzioni,  e le tecniche  ad essa connesse (e-legislation, e-partecipation, on line deliberation) sono il  focus  del  progetto. Diventa sempre  più pressante  la richiesta da parte  dei cittadini di trasparenza delle istituzioni e dell'azione politico istituzionale-amministrativa da un lato e di partecipazione e condivisione delle scelte della vita  amministrativa dall'altra e trattare  di  eDemocracy significa abilitare  i cittadini nell'impegno alla costruzione  del bene comune  e responsabilizzare ancor  di  più  i  soggetti   politici   e  gli  amministratori  nelle  proprie   azioni  in  ambito pubblico. 

L'obiettivo  del  progetto  è  realizzare   e  sperimentare  un  modello   innovativo  di funzionamento della macchina  amministrativa comunale,  orientato verso  una logica  di trasparenza  piena    nei  confronti della  cittadinanza  e   ispirato  ai  principi  di partecipazione democratica  elettronica come rappresentato nel Codice dell'Amministrazione Digitale.

Nello   specifico,  il  progetto è  finalizzato   a soddisfare  due  fabbisogni specifici  espressi nell'ambito del Bando Apulian ICT Living Labs:

  • La realizzazione   di  meccanismi   di  comunicazione   innovativa  e  ad  alto  livello   di interattività tra  Amministrazioni e cittadini, finalizzati alla trasparenza  e alla promozione della partecipazione attiva  (per brevità  questa linea d'azione  sarà definita  "Trasparenza");
  • L'implementazione  di  sistemi   di  voto   elettronico  (per brevità  questa linea d'azione sarà definita  "e-voting").
Soluzioni identificate
Risultati
Demo Lab
Al fine di garantire un'adeguata diffusione dei risultati, la comunicazione rivestirà un ruolo principale nel coinvolgere gli utenti finali durante e dopo la conclusione del progetto.
Il ruolo chiave verrà affidato al sito del progetto, costruito all'interno del laboratorio virtuale; un sito 2.0 che stabilirà nuovi punti di contatto e discussione con gli utenti finali. Una metodologia attenta infatti oggi non può prescindere da quello che è la comunicazione 2.0; per questo motivo tutti i partner di progetto hanno deciso di sperimentare nuove forme di metodologie partecipata. Il progetto prevede infatti un maggior coinvolgimento degli utenti tramite Facebook, Twitter, Google+ YouTube, Flickr, Picasa e Pinterest sui quali saranno attivati dei profili/gruppi dedicati al progetto. In tal modo si potrà attirare nel tempo nuovi possibili utenti, generare passaparola online e migliorare la visibilità delle attività.
Ma l'innovazione sociale che è al vertice della piramide del processo dei living lab richiede il coinvolgimento di tutta la comunità su cui si sperimentano le soluzioni tecnologiche messe a punto. Perciò una serie di eventi aperti, rivolti al pubblico più ampio, avranno la funzione di far crescere una consapevolezza diffusa sull'utilizzo delle tecnologie in fase di sperimentazione, sulle metodologie dei living lab e sui risultati che si possono ottenere introducendo le soluzioni sperimentali previste nella vita quotidiana della comunità.
 
Per quanto riguarda la sperimentazione nei territori delle Amministrazioni coinvolte, saranno realizzati 3 workshop nel corso della durata del progetto:
  1. Un workshop iniziale di presentazione del progetto in cui saranno illustrati gli obiettivi e le strutture/attrazioni coinvolte nella sperimentazione;
  2. Un workshop intermedio successivo alla fase di design delle soluzioni, anche al fine di raccogliere eventuali suggerimenti da un pubblico più vasto; in questo workshop ci sarà una sezione dedicata alle smartcity con interventi di esperti del settore;
  3. Un workshop finale che servirà a presentare i risultati della sperimentazione e il modello di smartcity messo a punto con il progetto.
Gli eventi del punto precedente saranno aperti alla partecipazione di cittadini e stakeholder non pugliesi, anche attraverso azioni specifiche per il loro coinvolgimento. È inoltre prevista una giornata di presentazione con stakeholder non pugliesi. Tale giornata avrà la finalità di esporre il progetto e le soluzioni proposte a un pubblico selezionato composto da:
  • Rappresentanti di altre comunità locali potenzialmente interessati a condurre sperimentazioni analoghe nelle loro comunità.
  • Rappresentanti di aziende interessate alle tecnologie sperimentate.
Tale giornata sarà documentata nei deriverables di progetto.

Keyword: e-participation e-democracy active citizenship transparency e-democracy government process reengineering active citizenship transparency government process reengineering